I prodotti PADANA SEMENTI & Geogreen: sinergia vincente!

Da qualche anno, accanto alla classifica delle migliori squadre in Serie B, la Lega Calcio ha istituito una speciale classifica dei “migliori terreni di gioco”, secondo un giudizio che è la media dei giudizi di capitani delle squadre, allenatori, produttori televisivi e agronomo della Lega dopo ogni partita (http://www.legab.it/match-center/miglior-terreno-di-gioco).

L’iniziativa mira ad accrescere il livello estetico e di giocabilità dei campi e premia i primi 3 classificati con un riconoscimento economico da reinvestire in ulteriori migliorie del campo.

Ebbene, dei 17 campi in erba naturale (altri 5 sono in sintetico, per cui è stata stilata una classifica a parte), nell’attuale campionato 2017-2018, il campo da gioco migliore è risultato quello dello Stadio “Adriatico” di Pescara, con punteggi molto alti durante tutta la stagione agonistica, ma soprattutto nei periodi invernali e piovosi ed è l’unico campo, assieme e a quelli di Cittadella e di Perugia, a raggiungere il massimo punteggio per una o più partite (ovvero 5). Non sarà un caso, infatti, che anche questi due campi adottino a vario titolo materiali e metodi forniti dalle due aziende (sementi, fertilizzanti, consulenze).

Quali sono i “segreti” utili a tutti i manutentori per ottenere simili risultati e riconoscimenti?

1) La professionalità di chi gestisce il tappeto erboso: Pierluigi Cianci, titolare dell’impresa Idee Verdi di Pescara, se ne occupa da alcuni anni con passione, competenza e precisione. La quotidianità del lavoro, l’attenzione a ogni particolare e le scelte professionali hanno dato vita ad un risultato prestigioso e i complimenti sono strameritati.

2) La presenza, come “struttura primaria” del tappeto erboso di un substrato drenante e della gramigna: questa mantiene una buona planarità ed evita la formazione di buche e diradamenti;

3) L’utilizzo di prodotti di alta qualità. La gramigna è forte, ma da novembre ad aprile – ovvero per gran parte del campionato – il campionato del Pescara si svolgerebbe su un campo grigio e brullo, tale è infatti il colore della gramigna d’inverno. Con opportuni interventi di trasemina autunnale, invece, il campo si mantiene eccezionalmente bello verde e resistente. La scelta è caduta sui loietti di PADANA SEMENTI ‘Azimuth’, ‘Pizzazz 2′ e ‘Double Time’ che, per le loro caratteristiche di colore molto scuro, persistenza invernale e resistenza, hanno fornito risultati straordinari anche davanti ad eventi nevosi e piovosi (a Pescara quest’anno è nevicato copiosamente) e freddi anomali.

4) L’utilizzo di concimi adatti. Dopo molte prove, Pierluigi Cianci ha scelto Geogreen, azienda italiana che produce specialità nutrizionali di alta qualità per i tappeti erbosi e il verde ornamentale. Per il campo di Pescara sono stati scelti fertilizzanti minerali come il Progreen 31-5-5 rivestito all’84%, l’Energy 15-0-22 e il famoso organo-minerale Green 7. Ma non solo: il bravo Cianci ha sviluppato assieme all’azienda un piano di distribuzione di specialità liquide (biostimolanti, radicanti, microorganismi, per 7-8 trattamenti fogliari durante il campionato) che hanno dato quel “qualcosa in più” e che è sotto gli occhi di tutti.
 

12

A sinistra: il terreno di gioco dello stadio “Adriatico” ad agosto 2017, costituito unicamente da gramigna.
 
 
 
 

A destra: il campo a marzo 2018; è evidente il colore e l’uniformità dovuta ai trattamenti fogliari di Geogreen e ai loietti scuri di PADANA SEMENTI.
 

Spese sotto controllo, risultati eccezionali, minimo utilizzo di formulati tossici. La ricetta della professionalità esiste, basta sapere dove cercarla!

a cura di Riccardo dott. Agr. Dal Fiume